Booking

Itinerari

^

VALUTAZIONE DELLA DIFFICOLTA’ DEI SENTIERI DELL’ATV

» FACILE
Percorso che si svolge su strade carrozzabili, sterrate, mulattiere e sentieri sempre ben riconoscibili.
Salite e discese con una pendenza massima generalmente inferiore al 5% (dislivello inferiore a 50 metri per chilometro).
Non è richiesta una particolare preparazione fisica per la percorrenza.

» MEDIA
Percorso che si svolge su strade carrozzabili, sterrate, mulattiere ma anche lungo tracce poco riconoscibili a causa dell’insufficiente calpestio e/o della ricrescita vegetativa. Pendenze massime comprese fra il 5 ed il 10% (dislivello pari a 50/100 metri per chilometro). Poco adatto per persone non sufficientemente allenate.

» DIFFICILE
Percorso generalmente su mulattiere, sentieri, tracce e occasionalmente e per brevi tratti anche fuori traccia (su campi incolti, praterie, nel bosco etc…).
Pendenze massime superiori al 10% (dislivello massimo maggiore ai 100 metri per chilometro).
Consigliato agli adulti allenati dotati di attrezzatura specifica e che sanno orientarsi utilizzando carta topografica e bussola.

  • Da Borgo a Cerreto
  • Cerreto di Spoleto
  • lunghezza: 5.5 Km
  • difficoltà: Difficile
  • Interesse STORICO-ARTISTICO
  • Interesse NATURALISTICO
    • percorso ad anello, mezza costa
    • dislivello: 150 m
    • partenza: Località Borgo Cerreto
    • arrivo: Cerreto di Spoleto
  • Dal parcheggio di Borgo Cerreto, adiacente alla SS209, si raggiunge in breve il punto di partenza dell’itinerario posto fra i vicoli della frazione stessa. Il tratto iniziale, che per circa 300 metri presenta una forte pendenza, va affrontato con lentezza, facendo diverse pause e conduce nei pressi della sede del CEDRAV, il Centro per la Documentazione e la Ricerca Antropologica in Valnerina e nella dorsale appenninica umbra, organismo tecnico-scientifico che ha come obiettivo principe lo studio di tutti gli aspetti delle culture locali.
    Dal CEDRAV si prosegue per Piazza Pontano, sede del Palazzo Comunale.
    Intorno alla piazza principale è possibile ammirare alcuni palazzetti gentilizi, fra cui l’ex Palazzo comunale, denominato anche Palazzo Periorale o Teatro. Era l'antica residenza municipale del sec XVI ed attualmente destinato a teatrino e sala riunioni.
    Esternamente conserva portali seicenteschi, numerosi stemmi e lo scalone di accesso, mentre sono scomparsi il portico, la torre municipale ed un campaniletto a vela. E’ inoltre da consigliare un giro dell’abitato, dal quale è possibile cogliere vari scorci dell’antico castello ed uno magnifico panorama della Valle sottostante.
    Volendo proseguire il cammino si percorre la via che costeggia le scuole di Cerreto per circa 1,5 Km di strada completamente in piano, asfaltata e ben ombreggiata. Al termine una curva a gomito riconduce, attraverso una curata zona residenziale, al centro di Cerreto.
    Prima di ridiscendere a Borgo, lungo il sentiero utilizzato per salire, è consigliabile la visita alla chiesa di Santa Maria De Libera, edificio rinascimentale con due ambienti sacri sovrapposti. Esso ha avuto origine da un'immagine miracolosa della Madonna e per questo prende il nome di "DE LIBERA" con il significato di "LIBERATRICE". All'interno vi è una tela raffigurante la "Madonna col Bambino con i Santi Antonio Abate e Lucia" di Felice Damiani (1581) ed un affresco del XVI secolo raffigurante la "Madonna della Misericordia".
    Nell'abside affreschi monocromi che ricordano la fuga in Egitto e riposo nella fuga in Egitto (secoli XVIII e XIX); nella volta dell'Abside "Incoronazione di Maria tra Angeli e Sibille" e nel sottarco "Profeti" attribuiti a Callisto di Giovanni Cola da Cerreto (1535).
    Vi è, inoltre, una tela attribuita al maestro di Poreta risalente al 1598 e raffigurante l' "Adorazione dei Magi".
    All'ambiente superiore, ex oratorio della Misericordia, si arriva attraverso un passaggio rampante sul lato destro dell'edificio.
    In quest'ambiente è, inoltre, consevata una tela di Camillo Angelucci da Mevale del 1544 raffigurante "La Crocifissione" ed alcuni affreschi del 1600.

  • Attrezzatura consigliata: Scarpe comode, eventuale cappello per il sole o il freddo, pile, acqua, giacca impermeabile.